un legame con la sindrome di Parsonage-Turner?

I vaccini contro il Covid-19 sono soggetti a un monitoraggio molto attento dei loro effetti collaterali. Tra gli effetti avversi più studiati negli ultimi mesi c’è la sindrome di Parsonage-Turner, nevralgia amiotrofica della spalla. Un recente rapporto pubblicato da diversi centri di farmacovigilanza regionali conclude che i dati attuali non consentono di escludere un legame tra un vaccino contro il Covid-19 e l’insorgenza della sindrome di Parsonage-Turner.

Cos’è la sindrome di Parsonage-Turner?

Sindrome di Parsonage-Turner, chiamata anche nevralgia amiotrofica della spallasi manifesta con segni clinici caratteristici:

  • Un dolore violento e improvviso alla spalla;
  • Paralisi della spalla;
  • Perdita muscolare della spalla e del braccio.

I sintomi possono persistere per diversi mesi, nonostante la gestione medica basata su un trattamento analgesico e un’adeguata riabilitazione. In alcuni pazienti, le sequele motorie possono persistere o la sindrome può ripresentarsi. La causa di questa sindrome non è chiara. Sembra essere coinvolto un disturbo immunitario, a volte dopo l’iniezione di un vaccino. Esistono anche forme familiari, legate a una mutazione genetica.

Sindrome della canonica-Turner e vaccinazione contro il Covid

Fin dalla loro commercializzazione, i vaccini contro il Covid-19, compreso il vaccino prodotto dal laboratorio Pfizer, sono stati oggetto di un maggiore monitoraggio dei loro possibili effetti avversi. Le segnalazioni di farmacovigilanza si sono moltiplicate dall’inizio della campagna vaccinale. La pubblicazione più recente è il ventesimo rapporto riguardante il vaccino distribuito da Pfizer. I dati epidemiologici presi in considerazione riguardano il periodo dal 27 dicembre 2020 al 10 febbraio 2022. In questo periodo, i centri regionali di farmacovigilanza hanno individuato 89.176 effetti avversi potenzialmente legati al vaccino.

In totale, Sono stati identificati 43 casi di sindrome di Parsonage-Turner, sapendo che anche l’infezione da SARS-CoV2 può causare questa sindrome. Tra questi 43 casi, 18 non erano legati alla vaccinazione contro il Covid-19. Questo numero di casi, sebbene piccolo, attira l’attenzione degli epidemiologi. È quindi oggetto di monitoraggio specifico.

Un legame che resta da dimostrare

Secondo gli ultimi dati di farmacovigilanza, il legame tra la sindrome di Parsonage-Turner e il vaccino contro il Covid-19 è possibile. Tre argomenti sono a favore di un potenziale collegamento:

  • La sindrome di Parsonage-Turner è stata precedentemente descritta in seguito a regimi di vaccinazione contro altre malattie. Infatti, tra il 10 e il 15% dei casi è legato alla vaccinazione;
  • Il numero di casi osservati nelle indagini di farmacovigilanza costituisce un potenziale segnale. La frequenza dei casi è superiore a quella osservata nella popolazione generale, perché la sindrome di Parsonage-Turner è una patologia rara;
  • Casi simili sono stati osservati con altri vaccini Covid-19.

La vaccinazione contro il Covid-19 potrebbe avere l’effetto collaterale dell’insorgenza della sindrome di Parsonage-Turner. Tuttavia, il nesso causale resta da dimostrare formalmente. Tale rischio, una volta dimostrato, sarebbe basso, ma richiederebbe una particolare vigilanza da parte degli operatori sanitari, nei giorni successivi alla vaccinazione.

Estelle B., dottore in farmacia

Fonti

– Sindrome della canonica e di Turner (nevralgia amiotrofica). em-consulte.com. Accesso 11 aprile 2022.

Add Comment