I disturbi mentali sono geneticamente legati ai biomarcatori del sangue

La nuova ricerca ha di meglio comprendere le cause della malattia mentale e l’individuazione di nuove cure. Secondo questo studio, i disturbi mentali sarebbero legati a marcatori biologici rilevato negli esami del sangue.

Le persone spesso separano la salute mentale dalla salute fisica. Tuttavia, molte sostanze biochimiche implicate in alcune malattie hanno un impatto diretto sul funzionamento del nostro cervello.

I ricercatori si sono concentrati su sostanze chiamate biomarcatori perché sono facilmente misurabili. Un biomarcatore può rilevare una malattia o un processo particolare. I biomarcatori trovati negli esami del sangue di routine sono utili perché sono frequentemente influenzati da fattori esterni.

Un legame tra i biomarcatori del sangue e la malattia mentale?

I ricercatori hanno esaminato le influenze genetiche sulla malattia mentale e sulle sostanze misurate nel sangue. Secondo i genetisti, le malattie mentali e i biomarcatori del sangue lo sono “caratteristiche complesse”cioè, sono coinvolti molti geni e fattori ambientali.

Utilizzando i dati genetici, i ricercatori sono stati in grado di studiare quanti piccoli cambiamenti nella sequenza del DNA (o “varianti”) sono legati al rischio di malattia mentale. Queste varianti possono quindi essere collegate ai livelli misurati di un biomarcatore nel sangue. La maggior parte di queste varianti sono singolarmente associate a piccolissime variazioni di un elemento come il rischio di malattie mentali, ma possono sommarsi per causare effetti più gravi.

In uno studio recente, i ricercatori hanno utilizzato la genetica per analizzare la relazione tra 9 disturbi mentali e 50 fattori misurati negli esami del sangue di routine. Lo studio ha confermato la presenza di correlazioni genetiche tra biomarcatori del sangue e malattie mentalipiù diffuso di quanto precedentemente dimostrato.

Biomarcatori implicati nelle cause della malattia mentale?

L’effetto delle varianti sul rischio di malattia mentale ei livelli di un dato biomarcatore erano simili tra loro. Ad esempio, lo studio ha rilevato una correlazione genetica positiva tra la conta dei globuli bianchi e la depressione. Ciò significa che un processo nel corpo influenza sia la depressione che i globuli bianchi. Identificare questo processo comune aiuterebbe a comprendere meglio le cause della depressione e, successivamente, a trovare una cura.

Per scoprire se i biomarcatori del sangue sono coinvolti nelle cause delle malattie mentali, i ricercatori hanno utilizzato varianti del DNA legate ai cambiamenti nei biomarcatori del sangue. L’esperimento ha permesso di dimostrare che alcune sostanze misurate nel sangue potrebbero essere coinvolte la causa di alcune malattie mentali.

Tuttavia, sarebbe necessario un ulteriore lavoro per conoscere più precisamente come i biomarcatori sono coinvolti in questi disturbi.

FONTE: SCIENCEALERT

.

Add Comment