Abusato e l’elastico ha lasciato il posto al portiere del CH

La stagione di Jake Allen è finita? Dovremmo saperne di più sullo stato di salute del portiere dell’Habs al termine dell’allenamento mattutino della squadra. Ma, dal momento che sono rimaste solo 10 partite, possiamo aspettarci che sia così.

• Leggi anche: Cayden Primeau torna a Montreal

• Leggi anche: Auston Matthews porta i Leafs ai playoff

• Leggi anche: Il canadese vuole giocare a guastafeste

Ricordiamo che, a Toronto, sabato sera Allen ha ceduto il posto a Samuel Montembeault, dopo aver subito quello che sembra essere un infortunio all’inguine.

Sarebbe una fine piuttosto brusca per l’uomo che aveva già saltato 25 partite a causa di un infortunio simile subito il 12 gennaio a Boston.

Dato che è stato fuori dal gioco per nove settimane, possiamo presumere che il New Brunswicker si fosse completamente ripreso da questo infortunio quando ha rimesso le pastiglie.

D’altra parte, potrebbe essere che Martin St-Louis ed Éric Raymond abbiano allungato un po’ troppo l’elastico offrendogli 11 delle ultime 12 partenze? Non solo vedeva l’azione quasi ogni due notti, ma anche le sue serate di lavoro erano particolarmente movimentate.

Ha ricevuto almeno 40 tiri sei volte nelle 10 partite giocate. Ha avuto la sua partita più tranquilla il 19 marzo, quando i Senators gli hanno sparato 30 colpi.

Vuoi un’idea del carico di lavoro di Allen? In questo periodo, il portiere del Canadiens ha affrontato 401 tiri degli avversari. Segue Ville Husso, dei St. Louis Blues, con 339. Parliamo di 62 tiri in meno, nonostante una partita in più per Husso.

Questo uso continuato di Allen ha sicuramente permesso a St-Louis e al canadese di raccogliere qualche punto in più in classifica. Tuttavia, questo non gli impedisce di ballare tra i 30e31e e il 32e classificarsi nella graduatoria generale.

Con Allen in disparte, Kent Hughes ha ricordato Cayden Primeau. L’americano, che quest’anno ha avuto la sua giusta dose di problemi in rete per il big club, ha riacquistato la calma dopo l’espulsione dall’American League.

Dal 18 febbraio ha registrato un record di sette vittorie contro quattro sconfitte e due sconfitte al tie-break. Tuttavia, questo richiamo potrebbe essere solo temporaneo.

Il CH giocherà quattro partite questa settimana. Non dovrebbe sorprendere vedere Carey Price avviarne uno. E questo, anche se St-Louis avesse martellato che non avrebbe affrettato il ritorno dell’uomo mascherato da star.

“Quando Carey sarà pronto, giocherà indipendentemente dalla situazione con Jake. Seguiremo il processo”, ha detto dopo la sconfitta contro i Maple Leafs.

Tuttavia, nel New Jersey e Toronto, Price si è allenato come portiere che sta per tornare a giocare.

Inoltre, visto il modo in cui il canadese è andato in pezzi nella prima metà della stagione, era solo questione di tempo prima che uno dei record di mediocrità della franchigia venisse infranto.

La battuta d’arresto subita a Toronto è stata la 41a della stagione subita nei tempi regolamentari: mai il CH aveva subito così tante sconfitte nella stessa stagione.

Il vecchio punteggio di 40 è stato fissato nel 1983-84, poi ripetuto nel 2000-01 e 2017-18. Gli Habs ora hanno 10 partite per rivendicare cinque vittorie e almeno eguagliare le 25 vittorie del 1950-51, il bottino più basso della franchigia in un programma di almeno 70 partite.


Add Comment